I sensori ottici Omron continuano a garantire un mondo post-COVID touch-free

7 Ottobre 2020
Omron

Omron supporta la gestione della sicurezza degli spazi grazie ad un’ampia gamma di sensori ottici. Questi componenti rappresentano un elemento vitale in un regime di efficace controllo dell’infezione, all’interno di edifici, locali e anche luoghi ad accesso contingentato, tramite il monitoraggio e la  misurazione della temperatura corporea, il conteggio delle persone in una determinata area e  la riduzione della necessità di toccare le superfici. 

Gabriele Fulco, European Product Marketing Manager in Omron, commenta: “Le tecnologie  di opto-rilevamento hanno un ruolo importante nell’adozione di contromisure al coronavirus e i sensori contactless forniscono solide basi per soluzioni di controllo degli accessi e  misurazione della temperatura.

Possono anche rimpiazzare gli interruttori tattili per attivare  luci e altri servizi e diventare potenzialmente la normalità anche quando il COVID sarà solo  un lontano ricordo.” 

I sensori termici Omron D6T si basano su un’unità IR (sensore a infrarossi) che misura la  temperatura superficiale degli oggetti senza toccarli. Il processo sfrutta un elemento termopila  che assorbe l’energia irradiata dall’oggetto target. Il D6T 4×4 può misurare la temperatura  facciale fino alla distanza di un metro, mentre il D6T single-eye è più adatto per dispositivi  indossabili alla cinta o sulla fronte. Con una taratura adeguata, l’accuratezza della temperatura  del D6T 4×4 può raggiungere i ±0.2degC dando una indicazione affidabile di un eventuale  stato febbrile. Infine, un sensore con struttura a matrice semplifica la distinzione tra la  temperatura umana e quella dello sfondo. 

I sensori di immagini HVC-P2 possono rilevare visi, espressioni, lineamenti facciali e corpi  umani – possono anche stimare età e genere delle persone all’interno delle immagini acquisite. Le funzioni di rilevamento di base potrebbero agevolare il distanziamento sociale  nei luoghi di lavoro o in spazi pubblici, conteggiando il numero di persone presenti all’interno  della stanza o rilevando quando le persone si avvicinano troppo tra loro. Il sensore può anche  ridurre il numero di interazioni fisiche tra clienti che stazionano davanti a un dispositivo di  segnaletica digitale, proponendo messaggi ad hoc alle persone appartenenti alle categorie  più a rischio.

Omron propone anche gli interruttori contactless B5W-LB LCR che possono essere  implementati in quegli ambienti dove si deve limitare la diffusione di batteri e virus dannosi – porte, distributori di bevande, dispenser di sapone e scarichi dell’acqua. I dispositivi si  distinguono per l’affidabilità e la ripetibilità delle performance di rilevamento, anche in caso di  oggetti target con superfici particolari per colore e tipologie, incluse le superfici a specchio.  Anche a grande distanza di rilevamento, il fascio di luce convergente punta precisamente un  determinato oggetto in un’area target ben delimitata, ignorando qualsiasi altro oggetto ci possa  essere davanti o sullo sfondo. ©

 

 

VISITA L’AZIENDA “OMRON”

 

ARTICOLI CORRELATI

Loftware

Loftware e NiceLabel si alleano nel campo delle soluzioni per la gestione dell'etichettatura industriale

60 anni di esperienza al servizio di clienti e partner, con un'offerta ancora più completa di sistemi e capacità...

Soluzioni analitiche nella produzione di fibre chimiche artificiali e sintetiche

Le fibre chimiche sono materiali fibrosi prodotti da materia prima organica e inorganica attraverso un processo chimico...

EXCiPACT™

EXCiPACT™: Air Liquide prima impresa del suo settore a ottenere la certificazione in Italia

Air Liquide Italia ha ottenuto la certificazione EXCiPACT™ per la produzione e distribuzione di gas....

Share This