Illuminazione industriale alla luce della protezione dell’ambiente

30 Novembre 2020
Illuminazione

Soluzioni illuminotecniche sostenibili per aree pericolose e non pericolose

 

Nella progettazione e nell’installazione di sistemi di illuminazione per impianti industriali, gli aspetti ecologici stanno acquisendo una rilevanza sempre maggiore. Per preservare le risorse naturali sono necessarie soluzioni illuminotecniche sostenibili, efficienti dal punto di vista energetico ed ecocompatibili sia per ambienti interni che esterni. Ciò comprende anche misure per ridurre le emissioni di luce e modifiche illuminotecniche per proteggere ecosistemi particolarmente sensibili. 

 

La tecnica a LED rappresenta un’alternativa migliore rispetto alle soluzioni illuminotecniche convenzionali per quasi tutte le funzioni di illuminazione. Con circa il 35 % dell’energia convertita in luce, la loro efficienza è pari a circa il doppio di quella delle lampade luminescenti a gas e dei tubi fluorescenti. Grazie al loro ridotto consumo energetico, i diodi luminosi contribuiscono alla riduzione delle emissioni di CO2 e di conseguenza alla protezione del clima. Le luci a LED superano di gran lunga la tecnologia di illuminazione convenzionale anche in termini di longevità. Con una durata utile fino a 100.000 ore di funzionamento, sono particolarmente sostenibili e richiedono una meno frequente manutenzione o sostituzione. A differenza delle lampade contenenti mercurio, le luci a LED sono inoltre prive di sostanze tossiche, cioè di mercurio, e sono quindi molto più facili da smaltire nel rispetto dell’ambiente. 

 

Efficacia luminosa elevata e sostenibile 

Nel suo centro di competenza di Weimar per la tecnologia dell’illuminazione, R. STAHL promuove lo sviluppo di un’illuminazione industriale moderna ed ecocompatibile per le aree pericolose e non pericolose. In qualità di pioniere nell’illuminazione industriale a LED, l’azienda ha introdotto un’ampia gamma di corpi illuminanti ad alta efficienza energetica e di lunga durata in una varietà di design per quasi tutti i contesti applicativi interni ed esterni. La gamma si estende dall’illuminazione generale all’illuminazione di emergenza, di segnalazione e di sicurezza e comprende anche versioni con spettro cromatico dei LED convertito per applicazioni speciali.

Exlux
La serie EXLUX 6002/4

R. STAHL ha ulteriormente ampliato la sua gamma di prodotti con l’ultima generazione dei suoi corpi illuminanti EXLUX. I nuovi corpo illuminanti EXLUX della serie 6002/4 sono, con un’efficacia luminosa di 115 lm/W con rispettivamente 145 lm/W senza diffusore, particolarmente efficienti e superano nettamente i valori della versione economica precedente. Rispetto alle tradizionali lampade fluorescenti, i costi energetici sono inferiori di circa il 40%. La particolare longevità, che garantisce il 90% del flusso luminoso originale anche dopo 100.000 ore di funzionamento, garantisce un’elevata affidabilità a prova di guasto con una manutenzione minima. La nuova generazione EXLUX è certificata secondo ATEX e IECEx per il funzionamento in tutto il mondo nelle zone 1/21 e 2/22 e può essere installata in modo variabile come corpo illuminante a soffitto, a sospensione o montato su palo per l’illuminazione generale. 

 

Sistematicamente contro l’inquinamento luminoso

Oltre all’illuminazione efficiente e alla tecnologia di illuminazione a risparmio energetico, un concetto di illuminazione sostenibile richiede anche una progettazione illuminotecnica professionale per ottenere un’illuminazione conforme agli standard nel modo più ecologico possibile. Oltre alle norme pertinenti per l’illuminazione del posto di lavoro, R. STAHL tiene conto anche degli aspetti ecologici per prevenire efficacemente l’inquinamento ambientale causato dalla luce artificiale

Illuminazione

Con l’illuminazione stradale, le insegne al neon e i proiettori, l’illuminazione industriale è una delle principali cause di inquietanti emissioni luminose, che letteralmente illuminano il cielo notturno sopra i centri urbani come campane luminose. L’inquinamento luminoso – la diffusione della luce artificiale nell’atmosfera e la sua riflessione da parte delle polveri sottili – non influisce solo sul bioritmo umano. Ma ha anche un effetto negativo sulle piante e sugli animali. Così, le piante sono influenzate nel loro ciclo di crescita da un ambiente illuminato artificialmente. L’emissione di luce con un’elevata componente blu, caratteristica dell’illuminazione a LED bianco freddo, può disturbare il senso di orientamento degli insetti notturni e degli uccelli migratori e influenzare negativamente il comportamento riproduttivo e alimentare di varie specie.

 

Effetto luminoso ottimizzato

Poiché la limitazione delle emissioni luminose degli impianti industriali non è stata ancora regolata in modo vincolante, spetta ai produttori di apparecchi e ai progettisti illuminotecnici sensibilizzare i propri clienti su questo importante tema. Una distribuzione sfavorevole della luce a causa di errori di progettazione, difetti di installazione o apparecchi obsoleti non solo ha un effetto negativo sulla flora e la fauna, ma implica anche uno spreco di energia e quindi un aumento dei costi di esercizio.

Dal punto di vista della progettazione, è quindi necessario garantire un effetto luminoso ottimale che illumini tutte le aree richieste in modo uniforme e il più possibile privo di ombreggiamento senza perdite di dispersione. Utilizzando strumenti di pianificazione basati su software come ezyLum di R. STAHL, la geometria esatta del terreno, comprese le aree di calcolo, gli oggetti standard e i getti d’ombra, può essere accuratamente mappata in 3D. Il numero, la posizione, la distribuzione della luce necessaria e il flusso luminoso dei corpi illuminanti possono essere determinati con precisione in base alle superfici di montaggio definite. Regolando l’angolo di radiazione su tutti e tre gli assi, il fascio di luce può essere diretto quasi interamente sulla superficie da illuminare per evitare o ridurre al minimo l’emissione di luce fastidiosa.

 

Modifiche illuminotecniche

Illuminazione
Luci a LED che non hanno alcun impatto sull’ambiente naturale.

A differenza delle lampade convenzionali, che emettono luce ad ampio angolo, il diodo emettitore di luce può essere allineato molto meglio come un faretto a semispazio. Le radiazioni indesiderate nel semispazio superiore, causate dai riflessi della luce interna, possono essere evitate grazie a speciali design degli apparecchi d’illuminazione. A tale scopo, R. STAHL produce varianti di modelli dei suoi corpi illuminanti lineari e tubolari con fattore di illuminamento minimo.

A seconda delle specifiche dei diodi emettitori di luce utilizzati, le curve di distribuzione della luce vengono modificate in modo rifrattivo con lenti e ottiche o con un riflettore in modo tale che non venga emessa alcuna radiazione verso l’alto. Inoltre, la tecnologia dei semiconduttori consente di modificare lo spettro di emissione dei LED per sopprimere i componenti di colore indesiderati.

A seconda del materiale del semiconduttore utilizzato e della conversione, è possibile limitare la lunghezza d’onda dell’emissione luminosa a specifiche gamme spettrali, in modo mirato. Rispetto alle soluzioni convenzionali, come le lampade fluorescenti filtrate, si ottiene il doppio dell’efficienza. Inoltre, non vi sono restrizioni funzionali che altrimenti si verificherebbero a causa dell’affaticamento dei filtri o delle lamine dovuto all’invecchiamento del materiale.

R. STAHL produce corpi illuminanti con spettro cromatico convertito per applicazioni nell’industria farmaceutica, per lo sviluppo di foto o per la segnalazione di dispositivi di sicurezza come le docce di emergenza. Sono inoltre utilizzati in progetti on-shore e off-shore in ecosistemi sensibili in cui la luce artificiale non modificata potrebbe influire negativamente sul comportamento naturale delle specie in pericolo.

 

Chiara protezione delle specie

TartarugaR. STAHL collabora con organizzazioni ambientaliste incaricate di fornire un’illuminazione ecocompatibile di impianti industriali e piattaforme di produzione in prossimità di aree protette. In base alla geografia dell’area di applicazione, si determina la presenza di specie minacciate e la loro sensibilità alle emissioni luminose di specifici spettri cromatici. La luce artificiale con una componente blu dominante è particolarmente attraente per molti animali. Anima la visione mesopica e crea l’impressione del crepuscolo, che stimola l’istinto di caccia, fuga o protezione di molte specie animali come fase di attività. Ciò pregiudica anche il comportamento naturale delle tartarughe marine in pericolo, ad esempio. Per la loro protezione R. STAHL ha sviluppato una variante di apparecchio “Turtle-Friendly” con spettro di luce gialla, che viene utilizzata per l’illuminazione esterna di piattaforme di perforazione e impianti offshore. La luce bianca particolarmente calda fa sì che i giovani animali appena nati non si allontanino verso il mare e che il ritmo biologico degli adulti non venga falsato.

 

Conclusione

La protezione dell’ambiente dalle emissioni luminose dannose sta diventando sempre più importante nell’illuminazione industriale. I siti produttivi nelle regioni sensibili dal punto di vista ecologico e i crescenti livelli di inquinamento luminoso nei centri urbani pongono i produttori di apparecchi di illuminazione e i progettisti dell’illuminazione di fronte al compito di sviluppare soluzioni sostenibili e rispettose dell’ambiente.

Con il suo centro di illuminazione, lo specialista della protezione antideflagrante R. STAHL dispone di un’ampia competenza illuminotecnica e progettuale per realizzare soluzioni illuminotecniche antideflagranti in condizioni ambientali difficili.

 

VISITA L’AZIENDA “R. STAHL”

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

biometano

Superate le 10 mila ore di attività per il primo impianto di biometano da scarti agricoli in Italia

Nutrire la terra e produrre energia in maniera sostenibile nel rispetto del pianeta è il mantra che sta...

bioraffinerie

Acqua: depuratori come 'bioraffinerie urbane' per recuperare risorse idriche e materiali

Trasformare gli impianti di depurazione in vere e proprie “bioraffinerie urbane”, in grado di estrarre dai liquami e...

risorsa idrica

Giornata Mondiale dell’Acqua, Chimici e Fisici impegnati nel monitoraggio della risorsa idrica

Oltre all'analisi dell'impatto ambientale sulle risorse idriche, il supporto di Chimici e Fisici si è rivelato...

Share This