La transizione verso “l’industria 4.0” di CFS Europe (CFSE)

6 Maggio 2021
CFSE

Nel 2021 l’azienda intende completare l’upgrade del sistema DCS puntando a miglioramenti  qualitativi e quantitativi  

 

La CFSE di Ravenna è il maggior fornitore mondiale di difenoli e derivati e produce – sulla base di una tecnologia proprietaria – circa 11.000 ton/anno fra catecolo e idrochinone.  

L’impianto difenoli è stato dotato di sistema DCS – Distributed Control System – fin dai primi anni 2000.

 

Allo scopo di garantire ulteriore stabilità e una transizione verso sistemi smart, l’azienda ha recentemente deciso di intervenire con  un aggiornamento del sistema, come spiega Massimo Cupello Castagna, AD e CEO europeo di CFSE: “Nell’ambito di un  progetto più ampio di miglioramento del processo produttivo in termini di qualità, efficientamento energetico e sicurezza, a fine 2020 è nata l’esigenza di aggiornare il DCS per aumentarne la stabilità e,soprattutto, renderlo in grado  interfacciarsi con nuovi software di controllo e dashboard. L’iter di upgrade previsto per il 2021 è stato progettato  negli ultimi mesi e diventerà esecutivo entro l’anno”.

Grazie al monitoraggio in continuo di tutti i parametri di processo che saranno abbinati a interfacce smart, l’azienda  punta a un miglioramento significativo delle prestazioni dell’impianto e prevede – una volta che il sistema sarà a regime  – un aumento della capacità produttiva pari a circa il 10% annuo nonché un calo dei consumi energetici e della quantità  di rifiuti pericolosi. “In più, grazie alla possibilità di implementare una manutenzione preventiva più accurata degli  impianti si potranno migliorare alcuni aspetti legati alla sicurezza operativa, riducendo altresì l’incidenza di guasti e  malfunzionamenti” aggiunge Sauro Passeri, Direttore dello stabilimento

Oltre all’aggiornamento del sistema DCS, CFSE ha in programma l’installazione di altri macchinari che saranno connessi  al sistema in logica 4.0, in particolare, una nuova scagliettatrice per catecolo e un nuovo sistema di abbattimento sfiati  organici. “L’investimento complessivo che ne deriva è stimato in circa 1 milione di €” ha affermato Cupello Castagna.  

CFSE è anche impegnata in un progetto di riutilizzo degli scarti di lavorazione per la produzione di syngas tramite la tecnologia della gasificazione. Il programma, che l’azienda sta mettendo a punto in collaborazione con laboratori di  ricerca nazionali ed esteri, si pone l’obiettivo di ridurre drasticamente il volume dei rifiuti destinati a recupero termico mettendo in atto una valorizzazione in ottica di economia circolare.  

Infine, va sottolineato che tutti i progetti descritti rientrano in un piano di sostenibilità di più ampio respiro – in  particolare in linea con i punti 12 e 13, rispettivamente “Consumo e Produzioni Responsabili” e “Lotta contro il  cambiamento climatico – previsti dagli SDGs (Sustainable Development Goals) dell’Agenda 2030. Tale programma è  stato sottoscritto da 193 Paesi membri delle Nazioni Unite e prevede 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) da  raggiungere in ambito ambientale, economico, sociale ed istituzionale entro il 2030.  

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

BWT

BWT Pharma and Biotech Product Portfolio

Partendo dal pretrattamento e arrivando all’acqua per iniettabili, le soluzione BWT Pharma and Biotech consentono di produrre acqua in...

Nextchem

NextChem e Mytilineos insieme per produrre in Italia idrogeno verde

Maire Tecnimont S.p.A. annuncia che la sua controllata NextChem e la Business Unit Renewable and Storage Development (RSD BU)...

Coim

La proposta "3 in 1" di COIM per i produttori di packaging flessibile

C.O.I.M. S.p.A., multinazionale italiana che produce specialità chimiche dal 1962, con l’ingresso nel mercato degli inchiostri...

Share This