Primo impianto di accumulo al mondo dotato di batterie alla CO2

28 Giugno 2022
Primo impianto di accumulo al mondo dotato di batterie alla CO2

La tecnologia di accumulo di Energy Dome permette di conservare l’energia ad un costo inferiore di circa la metà rispetto a quello dei sistemi che utilizzando le batterie agli ioni di litio.

 

Energy Dome, fornitore leader di soluzioni di accumulo di energia a lunga durata su scala industriale, ha annunciato il lancio in Sardegna del primo impianto al mondo dotato di batterie alla CO2. La fase di scale-up commerciale avviata dall’azienda segna la svolta per questo genere di soluzioni, diventando la prima tecnologia di accumulo sul mercato per l’energia di base distribuibile a livello globale ad offrire un’alternativa affidabile ai combustibili fossili.

La fase iniziale delle operazioni ha confermato le prestazioni della batteria CO2 e la sua capacità di immagazzinare energia per una lunga durata, il tutto mantenendo un’efficienza di andata e ritorno altamente competitiva, senza degrado o dipendenza dal sito. Il progetto dimostrativo in Sardegna ha realizzato questo processo innovativo utilizzando apparecchiature standard, disponibili tramite una catena di approvvigionamento affermata a livello globale, a riprova che lo sviluppo globale rapido della batteria a CO2 è ora possibile senza rischiare colli di bottiglia.

“Sono orgoglioso del nostro team dedicato e dei nostri risultati. Ora possiamo fornire una risposta alla questione più urgente del nostro tempo: il cambiamento climatico”, ha affermato Claudio Spadacini, fondatore e CEO di Energy Dome. “La nostra tecnologia rivoluzionaria, la batteria a CO2, è ora disponibile in commercio per rendere conveniente l’energia rinnovabile distribuibile su scala globale”. 

Le batterie CO2 di Energy Dome possono essere installate rapidamente in qualsiasi parte del mondo a meno della metà del costo di strutture di stoccaggio a batterie agli ioni di litio di dimensioni simili e utilizzano materiali prontamente disponibili, come anidride carbonica, acciaio e acqua. Energy Dome si sta ora preparando per il suo primo impianto su larga scala da 20MW-200MWh ed un primo progetto commerciale dovrebbe essere implementato entro la fine del 2023.

Energy Dome ha iniziato le perazioni nel febbraio 2020 ed è passata da un concetto ad un test completo su scala multi-megawatt in poco più di due anni. Per raggiungere questo obiettivo, Energy Dome si è affidata a un team di esperti in turbomacchine, ingegneria di processo ed energia, con una comprovata esperienza nella progettazione di nuove turbine e nella costruzione di oltre 500 MW di progetti energetici. Questo lancio di successo è dovuto anche in parte alla natura unica del processo di Energy Dome, che integra componenti noti in un nuovo processo industriale basato su una trasformazione termodinamica della CO2.

La società ha già stipulato numerosi accordi commerciali, anche con un’utility italiana A2A per la costruzione di un primo impianto da 20MW-5h. All’inizio di quest’anno, Energy Dome ha anche firmato un accordo di licenza non esclusivo con Ansaldo Energia, uno dei principali fornitori di impianti e componenti per la generazione di energia, per la realizzazione di progetti di accumulo di energia di lunga durata in Italia, Germania, Medio Oriente e Africa.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Prima centrale elettrica a fusione per produrre fino a 500 MW

Prima centrale elettrica a fusione per produrre fino a 500 MW

Il Consorzio EUROfusion, composto da 21 organizzazioni italiane coordinate da ENEA, annuncia la progettazione del reattore dimostrativo, che produrrà 300-500...

L'AI per scoprire nuovi materiali per l’accumulo di energia

L'AI per scoprire nuovi materiali per l’accumulo di energia

Uno studio del PoliTo indaga le proprietà dei materiali per selezionare i migliori per lo stoccaggio dell’energia termica.

Le potenzialità delle reti PROFIBUS e PROFINET per il mercato dell'idrogeno

Le potenzialità delle reti PROFIBUS e PROFINET per il mercato dell'idrogeno

Consorzio PI Italia vede nuove opportunità per ampliare il proprio raggio di azione legate al processo di produzione dell'idrogeno.

Share This