Produrre bio-nafta con un’impronta di CO2 ridotta

29 Luglio 2022
Produrre bio-nafta con un'impronta di CO2 ridotta

Il processo Honeywell UOP Ecofining realizza bio-nafta destinata alla produzione di plastica con un’impronta di CO2 ridotta rispetto ai prodotti con materie prime a base di petrolio.
 
 
Honeywell ha introdotto un nuovo processo per la produzione di nafta rinnovabile per l’industria petrolchimica, utilizzando la comprovata tecnologia in commercio Honeywell UOP Ecofining. La nuova soluzione è in grado di ottenere un’elevata resa di nafta da materie prime sostenibili, come olio da cucina usato e grassi animali. 

 

La nafta è una preziosa materia prima petrolchimica utilizzata nella produzione di materie plastiche, in particolare olefine che sono elementi costitutivi per altre sostanze chimiche e aromatiche utilizzate per produrre poliestere e altri materiali di imballaggio. La nafta è tradizionalmente derivata dal petrolio greggio e dai condensati di gas naturale, ma ora può essere prodotta da materie prime rinnovabili. A seconda della materia prima impiegata, la nafta rinnovabile derivata da sostanze sostenibili, quali l’olio da cucina usato, ha un’impronta di gas serra inferiore del 50%-80% rispetto a quella ottenuta da fonti petrolifere.

Prima dell’introduzione della soluzione di nafta rinnovabile, la tecnologia UOP Ecofining è stata utilizzata per produrre prevalentemente carburante Honeywell Green Diesel e Honeywell Green Jet, con piccole quantità di bio-nafta ottenuta come prodotto secondario. La stessa tecnologia può essere adattata per realizzare alti rendimenti di nafta rinnovabile, riflettendo la versatilità del design Ecofining e la capacità di produrre una gamma di prodotti diversi in base alle esigenze del mercato.

“Siamo attivamente impegnati con i clienti per promuovere l’adozione di nuove tecnologie, poiché l’interesse nelle materie prime petrolchimiche rinnovabili è cresciuto dal momento che i consumatori preferiscono prodotti a base biologica, ha affermato Ben Owens, vicepresidente e direttore generale, Honeywell Sustainable Technology Solutions. “Vediamo la nafta rinnovabile prodotta dal processo UOP Ecofining come una soluzione collaudata disponibile oggi per aiutare i produttori petrolchimici a ridurre l’impronta di carbonio dei loro prodotti rispetto all’utilizzo di materie prime a base di petrolio”.

Per chi intende adottare ulteriori metodi di decarbonizzazione, il processo UOP Ecofining per la nafta rinnovabile può essere combinato con la fornitura di idrogeno rinnovabile e la cattura e stoccaggio di CO2 attraverso il portafoglio Honeywell H2 Solutions. Ad esempio, per un’unità di Ecofining con idrogeno rinnovabile e cattura di CO2 che elabora 10.000 barili al giorno di materie prime petrolifere sostenibili, come l’olio da cucina usato, la nafta rinnovabile può offrire una riduzione delle emissioni di CO2 di oltre 1 milione di tonnellate all’anno rispetto alla nafta di petrolio.

 

Il diesel rinnovabile Honeywell

Le aziende scelgono Honeywell UOP per la produzione di combustibili rinnovabili, grazie alla comprovata esperienza commerciale e all’elevata resa dei prodotti. Il processo della nafta rinnovabile si basa su oltre 20 anni di esperienza operativa combinata della tecnologia Ecofining.

Honeywell UOP ha sviluppato congiuntamente il processo Ecofining con Eni SpA. La tecnologia converte oli vegetali e grassi animali non commestibili in Honeywell Green Diesel, che offre prestazioni migliori rispetto al biodiesel e al diesel a base di petrolio. Il processo Ecofining produce diesel con un valore di cetano di 80, sostanzialmente superiore al diesel da 40 a 60 cetano comunemente usato oggi nei motori diesel. Di conseguenza, questo carburante diesel a più alto cetano fornisce prestazioni del motore migliori e può essere miscelato con diesel a basso numero di cetano più economici per soddisfare gli standard dei carburanti per il trasporto.

Il processo UOP Ecofining viene utilizzato nella maggior parte delle unità di biofeed al 100% che producono diesel rinnovabile – e in tutta la produzione di carburante rinnovabile con licenza per jet – nel mondo di oggi. Attualmente UOP ha concesso in licenza 23 unità di Ecofining in undici Paesi del mondo, elaborando 12 diversi tipi di materie prime rinnovabili.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Vulnerabilità nei flow computer nell'Oil&Gas

Vulnerabilità nei flow computer nell'Oil&Gas

I ricercatori di Team82 di Claroty hanno individuato una vulnerabilità nei flow computer e nei controller remoti TotalFlow di ABB...

Think Tank

Chiusa la IV° edizione del Think Tank di IVS sul comparto valvole industriali

Al centro dell’incontro le grandi opportunità legate allo sviluppo delle tecnologie per la produzione dell’idrogeno quale fonte...

Rubix si rafforza nel settore della lavorazione materie plastiche

Rubix si rafforza nel settore della lavorazione materie plastiche

Rubix incorpora Barlotti Srl, da più di quarant'anni punto di riferimento per quanto riguarda le lavorazioni delle materie termoplastiche e...

Share This