RemTech Expo 2017: ecco un primo bilancio

26 Settembre 2017
RemTech Expo 2017 bilancio

Da poco si è concluso RemTech Expo 2017, l’unico evento permanente in Europa dedicato ai temi delle bonifiche dei siti contaminati e della protezione del territorio dai rischi naturali e ambientali, che si è tenuto presso Ferrara Fiere  dal 20 al 22 settembre 2017.

Durante questa edizione oltre 6.000 esperti nazionali e internazionali, pubblici e privati, hanno visitato la manifestazione, interagendo con oltre 270 imprese altamente specializzate in materia di  tecnologie, strumenti e servizi qualificati per la conoscenza, la gestione e la tutela del territorio.

Il Presidente di Ferrara Fiere Parisini parla in termini di crescita e di soddisfazione per quanto riguarda l’aumento del numero dei visitatori e della superficie espositiva occupata da imprese qualificate, presenti in un’atmosfera rinnovata, elegante e profondamente interattiva in cui si sono svolti importanti eventi congressuali da “solo posti in piedi” e durante i quali si sono gettate le basi per un confronto e la condivisione di strategie nuove e di sviluppo sostenibile.

L’On. Alessandro Bratti, Presidente della Commissione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, ha aperto i lavori con la presentazione della relazione sull’inquinamento da sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) in alcune aree della regione Veneto, approvata dalla commissione l’8 febbraio 2017. Hanno partecipato Francesco Castellano, magistrato consulente della commissione, Gianluca Maria Farinola, consulente della commissione, Nicola Dell’Acqua, direttore generale dell’Arpa Veneto e il ministero dell’ambiente.

La seconda parte dei lavori, sulle tematiche delle metodologie, casi applicativi e relazioni istituzionali collegate alle attività della commissione, hanno visto la partecipazione accorata di Giovanni Colangelo, ex procuratore della Repubblica presso il tribunale di Napoli, Giuseppe Battarino, magistrato collaboratore della commissione e Carlo Emanuele Pepe, direttore generale Arpa Liguria.

“I lavori della comunità di RemTech non si fermano nella giornata di oggi, al contrario proseguono con rinnovato entusiasmo e impegno nei prossimi mesi con attività di incontro, confronto e formazione che ci vedranno impegnati sui temi dei sedimenti contaminati e delle tecnologie di bonifica presso le autorità di sistema portuale e alcune delle principali società petrolifere”, conclude Silvia Paparella, Project Manager di RemTech Expo.

Fonte RemTech Expo 2017

 

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

diesel rinnovabile, KT Roma

Diesel rinnovabile: KT, con il supporto di Nextchem, si aggiudica un progetto da 400 milioni di dollari

L’impianto, ubicato all’interno della raffineria di Holborn ad Amburgo, produrrà 220.000 tonnellate all’anno di diesel rinnovabile di alta qualità e...

Da tubo a tubo ecopolietilene ecolight

Da tubo a tubo, nuova vita alla plastica: da 119 tonnellate di rifiuti in polietilene ottenuti 296 km di tubi passacavo

Il consorzio Ecopolietilene, con Picenum Plast e MyReplast Industries, ha realizzato un’iniziativa sperimentale di economia circolare per il recupero dei...

impianti mobili

Sfidare la scarsità d'acqua con impianti mobili: la sicurezza idrica nel settore petrochimico

La disponibilità dell'acqua trattata è un tema importante per le industrie di tutto il mondo. Quando la risorsa idrica scarseggia...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

IndustryChemistry

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a: Anes  Assolombarda