Rivoluzione AI nelle ispezioni sugli asset offshore

8 Novembre 2021
Rivoluzione AI nelle ispezioni sugli asset offshore

L’Intelligenza Artificiale (AI) è alla base di un software per l’ispezione di infrastrutture sottomarine petrolifere e del gas estremamente precisa che al contempo riduce tempi e costi e rischio umano.

 

Storicamente, le ispezioni di apparecchiature industriali sottomarine richiedono ai tecnici di viaggiare in mare aperto per rivedere manualmente numerose ore di filmati registrati dai dispositivi di ispezione. Wood ha sfruttato la potenza della tecnologia all’avanguardia dell’intelligenza artificiale (AI) per creare una nuova soluzione di ispezione in tempo reale, in grado di rilevare e classificare autonomamente le anomalie delle apparecchiature.

 

L’idea è stata sviluppata in Australia grazie ad una partnership tra Wood e NERA – National Energy Resources Australia, l’Industry Growth Centre indipendente finanziato a livello federale per guidare la crescita nel settore delle risorse energetiche – con l’intento di realizzare e fornire una tecnologia per l’ispezione di apparecchiature industriali critiche, in particolare per le infrastrutture petrolifere e del gas sottomarine.

La Augmented Machine Vision Solution (AMVS) è una soluzione di visione artificiale aumentata, che utilizza un motore di intelligenza artificiale (AI) per ‘guardare’ il filmato, alla ricerca di potenziali guasti e difetti che necessitano di ulteriori controlli o riparazioni. La nuova tecnologia non solo segnala eventuali anomalie, ma elimina anche la necessità per i tecnici di recarsi in siti pericolosi e offshore ed è più veloce e più accurata.

“Combinando la profonda conoscenza del dominio di Wood con la tecnologia AI all’avanguardia, l’AMVS offre un approccio di ispezione più sicuro e veloce che può fornire agli operatori informazioni più accurate e aggiornate per aiutarli a massimizzare la produzione degli asset. È un punto di svolta per le ispezioni, che sappiamo essere suscettibili di errori umani e incongruenze. Questo progetto si adatta perfettamente al nostro obiettivo di sviluppare soluzioni innovative che consentano operazioni più connesse per i nostri clienti. Siamo lieti di aver collaborato con successo ancora una volta con NERA” ha dichiarato Azad Hessamodini, President of Growth & Development di Wood.

 

La riduzione dei rischi per la sicurezza e i miglioramenti di processo associati a questo software si traducono in un potenziale risparmio stimato per l’industria energetica offshore di 2,8 miliardi di dollari australiani all’anno. Senza dimenticare che i miglioramenti derivanti da operazioni meglio connesse comportano anche tempi di consegna più rapidi e costi ridotti per l’equipaggio e le navi.
L’AMVS rivoluziona il modo delle ispezioni delle risorse condotte in ambienti difficili e ad alto rischio, con la possibilità di essere implementata in una vasta gamma di altri settori manifatturieri e ad alta intensità di processo, aumentando la velocità e l’accuratezza del rilevamento, della risposta e della risoluzione dei problemi.

L’amministratore delegato di NERA Miranda Taylor ha dichiarato “Questo progetto sta migliorando l’ispezione delle infrastrutture che è stata a lungo un’attività altamente laboriosa e pericolosa. Attraverso questo progetto stiamo contribuendo a ridurre la necessità per i tecnici di trascorrere lunghe ore in mare aperto esaminando i filmati delle apparecchiature utilizzando il software sviluppato da Wood per esaminare i filmati sotto il controllo di tecnici che possono rimanere in sicurezza a terra. Siamo entusiasti di vedere potenziali opportunità che emergono per questa soluzione da implementare in una serie di altri campi”.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

IVS rinnova la collaborazione con UNIDO ITPO Italy

IVS 2022 rinnova la collaborazione con UNIDO ITPO Italy

UNIDO ITPO Italy porterà a IVS 2022, il 25 e 26 maggio, una delegazione dall’Iraq per intensificare il rapporto commerciale...

Il Mediterraneo orientale si prospetta come polo energetico ad EMC 2021

Il Mediterraneo orientale si prospetta come polo energetico ad EMC 2021

EMC 2021 ha portato l’industria ad esplorare lo sviluppo tecnico e commerciale del bacino energetico del Mediterraneo orientale.

Prima depurazione a secco dei gas di scarico nel settore marittimo

Prima depurazione a secco dei gas di scarico nel settore marittimo

La tecnologia Solvay di trattamento a secco dei gas di scarico a bordo di un traghetto ottiene prestazioni ambientali eccellenti.

Share This