REACH: online un supporto alla gestione degli Scenari Espositivi

22 Gennaio 2018
supporto reach

Federchimica in collaborazione con Enea ha realizzato il documento “Aspetti critici e commenti sulla valutazione e gestione degli Scenari Espositivi per quanto attiene l’esposizione dei Lavoratori”

 

La progressiva implementazione del Regolamento REACH ha spostato il focus delle imprese dalla fase di registrazione (deadline 2010 e 2013) alla fase di attuazione delle misure di “gestione del rischio” che l’utilizzatore a valle riceve attraverso lo Scenario di Esposizione previsto, in alcuni casi, dalla Registrazione REACH.

In questa fase la gestione delle informazioni, ricevute attraverso lo Scenario di Esposizione, e gli obblighi derivanti costituisce la principale preoccupazione in capo all’utilizzatore a valle, che incontra diverse difficoltà nell’adempimento dei propri obblighi, rese particolarmente rilevanti nella realtà italiana costituita da una prevalenza di imprese chimiche di piccole e medie dimensioni.

Tra le maggiori difficoltà riscontrate dagli utilizzatori a valle vi sono:

  • complessità;
  • voluminosità;
  • struttura non standardizzata degli Scenari Espositivi;
  • divergenze tra le diverse versioni delle linee guida dell’Echa specifiche sull’argomento;
  • varie logiche di valutazione con cui è stato redatto dal Registrante lo Scenario Espositivo, rispetto a quelle applicate nella valutazione dei rischi (ex D.Lgs. 81/2008).

Per questo motivo, Federchimica in collaborazione con Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, ha realizzato il documento “Aspetti critici e commenti sulla valutazione e gestione degli Scenari Espositivi per quanto attiene l’esposizione dei Lavoratori“.

La pubblicazione, che riporta in maniera oggettiva le difficoltà di gestione delle informazioni derivanti dagli Scenari Espositivi, è a disposizione online con l’auspicio che possa fornire alcuni spunti utili a tutte le parti in causa.

Fonte Federchimica

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Toscana modello di economia circolare e chimica verde

Toscana modello di Distretto Circolare Verde

Un modello di economia circolare e chimica verde per la chiusura del ciclo dei rifiuti e il rilancio green dell’industria...

WFI

Progettazione di un buon sistema di produzione di cold WFI

BWT Pharma e Biotech ha sviluppato negli ultimi 25 anni il sistema BWT OSMOTRON, lo standard nella produzione di PW...

Ecomondo e Key Energy si preparano a modificare il paradigma dell’economia reale

Ecomondo e Key Energy si preparano a modificare il paradigma dell’economia reale

Ecomondo 2021 raccoglie innovazioni ed istituzioni attorno ai temi della circular economy, tra cui le rinnovabili e...

Share This