Un laboratorio nazionale in rete per la Transizione Energetica

20 Maggio 2022
Un laboratorio nazionale in rete per la Transizione Energetica

ENET-RTLab è un laboratorio a cui aderiscono le 26 università nazionali di ENSIEL collegate sulla rete internet GARR per co-simulare in tempo reale risorse umane, software e hardware al servizio della transizione energetica per il nostro Paese.

 

Il progetto rappresenta una dimostrazione live di co-simulazione nazionale con Politecnico di Torino, JRC-Ispra, Politecnico di Bari, Università di Genova e Università di Napoli ‘Federico II’. 

 

 

ENET-RTLab (EnSiEL National Energy Transition Real-Time Lab) è un’iniziativa promossa dal Consorzio interuniversitario per la ricerca nel settore dell’energia, dei sistemi e degli impianti elettrici-EnSiEL con lo scopo di mettere a sistema conoscenze, strumenti di simulazione e strutture di ricerca nazionali in un unico grande laboratorio italiano interconnesso in tempo reale, che ha l’obiettivo di mettere in rete i 26 centri di ricerca italiani aderenti al consorzio.

La prima simulazione di questo grande laboratorio interconnesso, coordinato dal professor Ettore Bompard del Politecnico di Torino, vedrà coinvolti il Joint Research Center della Commissione Europea con sede a Ispra, il Politecnico di Bari, l’Università di Genova e l’Università di Napoli ‘Federico II’.

 

ENET-RTLab si propone di favorire una collaborazione tra università e centri di ricerca nell’ambito del supporto per il decision making (istituzionale e industriale), lo sviluppo e il testing delle tecnologie e il trasferimento tecnologico per la transizione energetica, con particolare riferimento agli scenari di decarbonizzazione e all’integrazione delle fonti rinnovabili all’interno delle reti di trasmissione e distribuzione.

La (co)simulazione Real-Time multi-sito nasce dall’idea di poter interconnettere diversi laboratori Real-Time geograficamente distribuiti sul territorio. In questo modo, si possono mettere a sistema conoscenze e strumenti hardware e software dei vari laboratori nazionali, attraverso le configurazioni Software-in-the-Loop (SIL), Hardware-in-the-Loop (HIL) e Power Hardware-in-the-Loop (PHIL). Il concetto di base della (co)simulazione multi-sito è quello di un laboratorio in rete in contrapposizione con il concetto tradizionale di rete di laboratori. Ciascun laboratorio è connesso agli altri attraverso la rete GARR (internet), contribuendo in tempo reale e in maniera sincrona allo stesso esperimento/test, creando così un laboratorio grande come l’Italia.

La simulazione real-time fornisce un ambiente virtuale nel quale il sistema e le componenti possono essere testati ex-ante, ovvero prima di essere installati sul campo, fornendo informazioni affidabili su impatti e benefici. L’ambiente virtuale di simulazione sfrutta la tecnica PHIL, che permette un collegamento in tempo reale con il mondo reale costituito dai componenti nella loro fisicità – per esempio pannelli PV oppure un’auto elettrica – che vengono testati dal vero.

 

Questa prima (co)simulazione multi-sito nazionale è svolta in collaborazione tra le sedi universitarie di Bari, Genova, Napoli, Torino e il JRC di Ispra. Sarà oggetto della simulazione la rete di trasmissione in alta tensione (rete test CIGRE), implementata a Torino, interagente con reti di distribuzione implementate a Napoli e Ispra. L’obiettivo è valutare la fattibilità tecnica di rete della dismissione di una porzione di parco di generazione termoelettrica e la sua sostituzione con impianti da fonte rinnovabile, in particolare eolico e fotovoltaico. Il parco eolico è stato implementato e simulato a Genova nella configurazione SIL, mentre il generatore fotovoltaico inserito nella simulazione è quello realmente presente a Savona. In aggiunta, la sede di Bari rende disponibili le risorse energetiche distribuite di una microrete, collegate in modalità PHIL, per emulare strategie di controllo rapido della domanda.

 

Tutti i laboratori partecipanti all’iniziativa sono interconnessi via internet utilizzando uno specifico framework ‘plug and play’ capace di integrare un grande numero di località in cui sono presenti simulatori, software o dispositivi fisici. Questo permette di effettuare test multi-disciplinari su nuove tecnologie, test su software e tecniche di controllo e prove di conformità per dispositivi su scala nazionale e internazionale.

L’iniziativa è attualmente coordinata dal punto di vista scientifico dai professori Ettore Bompard (Politecnico di Torino), Massimo La Scala (Politecnico di Bari), Mansueto Rossi (Università di Genova) e Domenico Villacci (Università di Napoli “Federico II”).

La (co)simulazione geograficamente distribuita offre diversi vantaggi, come la condivisione di risorse hardware e software che vengono rese disponibili a livello nazionale, senza la necessità di replicarle o spostarle in diversi laboratori, con conseguente incremento della capacità di calcolo per i singoli laboratori; inoltre si potranno simulare sistemi di dimensioni maggiori e aumenterà la sicurezza delle informazioni, pur restando a disposizione delle simulazioni tra diversi partner.

 

“Il Consorzio ENSIEL, come punto di riferimento nazionale negli studi di energetica elettrica, è fortemente impegnato sul fronte della transizione energetica. – spiega il professor Domenico Villacci, Direttore del consorzio EnSiEL-Università di Napoli ‘Federico II’ – Attraverso l’iniziativa ENET-RTLab, il consorzio vuole offrire alla comunità nazionale un nuovo, innovativo strumento per accompagnare il Paese in questa fase piena di sfide in campo energetico”.

 

La Transizione energetica si presenta come una sfida ineludibile che si gioca su vari piani – aggiunge il professor Ettore F. Bompard, Coordinatore del Scientifico di ENET-RTLab- Politecnico di Torino – tra cui quelli infrastrutturale, ambientale, socio-economico, in cui una moltitudine di attori tra pubblici, privati, decisori politici e industriali, oltre alle istituzioni di ricerca, sono chiamati a dare il loro contributo. ENET-RTLab si pone come una sede fisica e virtuale in cui, attraverso l’approccio innovativo ibrido reale-virtuale, i vari attori possono confrontarsi, mettendo a sistema le risorse nazionali”.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

La transizione green delle batterie parla Italiano

La transizione green delle batterie parla Italiano

NTE Process è l’unica società italiana qualificata per turnkey di impianti batterie SemiSolid per la produzione di batterie agli ioni...

Energia rinnovabile in Lafert

Lafert sceglie Samso per l'autoproduzione di energia rinnovabile

In corso l’installazione del grande impianto fotovoltaico con potenza pari a 345 kW del nuovo stabilimento Lafert.

Infrastrutture: gli Emirati Arabi scelgono la Puglia

Infrastrutture: gli Emirati Arabi scelgono la Puglia

Siglata una joint venture tra l’emiratina Danway, leader nelle infrastrutture elettriche e strumentazione impiantistica, e la pugliese Tecnomec Engineering. 

Share This