Illuminazione a LED per aree pericolose

9 Gennaio 2024
LED

R.STAHL offre armature illuminanti tubolari compatte a LED per impiego in aree Ex zona 1/21 e 2/22, una scelta intelligente per qualsiasi settore con severi requisiti di sicurezza.

 

La lampada tubolare a LED serie 6036 di R. STAHL è riuscita a resistere anche alle condizioni più difficili nel corso degli anni. L’ultimo modello della serie 6036/3 alza ancora di più l’asticella: per le aziende delle industrie di processo come l’industria chimica o il settore delle energie rinnovabili, 100.000 ore di funzionamento sino a +60°C significano enormi risparmi quando si tratta di manutenzione degli impianti di illuminazione. Questo vale sia per l’illuminazione generale sia per le luci delle macchine.
Con un intervallo di temperatura compreso tra -55 e +70 °C, questo apparecchio è molto versatile.

È stato mantenuto il peso ridotto (< 2,5 kg), l’elevata resistenza alle vibrazioni e l’elevato grado di protezione IP (IP66, IP67 o IP68) e sono state aggiunte nuove funzionalità, come la possibilità di rendere la lampada come luce ‘intelligente’ con la tecnologia DALI (Digital Addressable Lighting Interface), che consente di collegare in rete, commutare, controllare e monitorare digitalmente sia singoli apparecchi di illuminazione che interi sistemi di illuminazione.

Diversi scenari di illuminazione di emergenza possono essere configurati facilmente mediante un sistema di batterie centrale in combinazione con un modulo di indirizzo nel corpo illuminante tubolare. Una seconda fase di commutazione opzionale è utile se si desidera attenuare la luce al 50%.

Nell’interesse della sicurezza, una fonte di luce fissa è fondamentale in modo che le parti rotanti della macchina e del sistema siano ben visibili a coloro che si trovano nelle vicinanze. Inoltre, la selezione della temperatura di colore correlata (CCT- Correlated Color Temperature) consente di optare per una luce più rispettosa dei requisiti di salute e sicurezza sul lavoro e dell’ambiente. Ad esempio, si può avere una temperatura di colore di 2700 K con solo un piccolo contenuto di luce blu.

Le lampade a LED Serie 6036 sono ora dotate di sensori di movimento integrati che ne riducono ulteriormente il già basso consumo energetico. Hanno la certificazione ATEX e IECEx che copre le Zone 1/21 e 2/22, insieme ad altri certificati per diversi importanti mercati: UL do Brasil, NEPSI, KTL, ISTI, DNV / GL (marino), UK CA e ECASEx (Medio Oriente).

Sono in cantiere anche le approvazioni EAC/TR CU e USA. Per l’uso in impianti a idrogeno, le omologazioni del gruppo di gas IIC sono tra le massime priorità, ma sono possibili anche applicazioni che coinvolgono polveri del gruppo IIIC.

Le lampade a LED Serie 6036 sono disponibili in 4 diverse misure: 550mm (12W), 850mm (22W), 1150mm (32W) e 1450mm (44W).

Grazie alla custodia in policarbonato e all’interfaccia integrata per i cavi anticaduta, sopportano senza problemi colpi e anche impatti violenti. Con questi prodotti R. Stahl offre una scelta di lunghezze di cavo fino a 50 m, oltre a cavi impermeabili longitudinalmente (versione SELV fino a 25 m). I cavi prefabbricati rendono il processo di installazione rapido, semplice ed economico: tutte qualità che rendono i nuovi apparecchi di illuminazione tubolari una scelta intelligente per qualsiasi settore con severi requisiti di sicurezza; sono ideali per le industrie onshore, l’industria mineraria e le applicazioni offshore e marine.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

IVS 2024

Sono aperte le registrazioni per partecipare a IVS 2024

Un totale di 46 tra convegni, tavole rotonde, workshop, case study e laboratori per interpretare il cambiamento e approfondire le...

A&T 2024 fiera automazione torino

A&T 2024: 18 mila visitatori nei tre giorni di fiera

Oltre 6 mila passaggi giornalieri in mezzo alle tecnologie per l’industria nella Casa dell'Intelligenza Artificiale, novità di questa edizione. Il...

saras sarroch

I Moratti stipulano un accordo per la cessione di circa il 35% di Saras a Vitol

Il gruppo olandese rileva la quota di maggioranza della società petrolifera Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione...

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60 Editrice Industriale è associata a:
Anes
Assolombarda

IndustryChemistry

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 07.02.2017 al n. 60

Se vuoi diventare nostro inserzionista, dai un’occhiata ai nostri servizi.
Scarica il mediakit per maggiori dettagli in merito.

La nostra certificazione CSST WebAuditing

Editrice Industriale è associata a: Anes  Assolombarda