Pompe criogeniche sommerse per GNL fino a 546 m3/h

10 Agosto 2022
Pompe criogeniche sommerse per GNL

Vanzetti Engineering presenta la sua gamma di pompe criogeniche sommerse per gas naturale liquefatto della serie ARTIKA, disponibili in diversi modelli per pressione e portate, ora fino a 546 m3/h.

L’azienda italiana propone un ampio portfolio di pompe sommerse per rifornimenti di GNL, dal modello più piccolo ARTIKA 120-3S al più grande ARTIKA 300- 2S, fino al prototipo della nuova pompa ARTIKA 400 a 1 stadio, attualmente in fase di sviluppo. Con una portata fino a 546 m3/h, il modello ARTIKA 400 andrà a completare l’attuale offerta di pompe sommerse per gas naturale liquefatto progettate da Vanzetti Engineering.

 

Le caratteristiche proprie delle pompe ARTIKA includono la concezione senza guarnizione, con i cuscinetti dei motori lubrificati in permanenza dal gas naturale liquefatto, che consente il mantenimento di condizioni di freddo per operazioni di avvio e stop veloci ed efficienti, e una bassa frequenza di manutenzione grazie all’assenza di elementi soggetti a usura.

Le pompe criogeniche sommerse per gas naturale liquefatto della serie ARTIKA, disponibili in configurazione monostadio o multistadio (2, 3, 4 o 6), sono progettate per lavorare sommerse in criostato o in serbatoio criogenico, sono adatte ad un utilizzo continuo e discontinuo, offrono helical inducer per minimizzare il valore di NPSH, motore integrato da utilizzare con inverter/VFD GNL, e rumorosità ridotta (<80dB).

I modelli di pompe sommerse ARTIKA sono pensati per rifornimenti di GNL con diverse portate e pressioni. Ad esempio, per le stazioni di rifornimento GNL in ambito automotive, Vanzetti Engineering propone la pompa sommersa ARTIKA 160 utilizzabile per uno o due erogatori GNL. La pompa ARTIKA 120-3S è la più piccola della serie e trova applicazione soprattutto in ambito navale.

L’ARTIKA 200-4S può garantire una portata di oltre 30 m3/h a 35 bar, mentre l’ARTIKA 200-6S è in grado di raggiungere anche 55 bar di pressione differenziale. Entrambi i modelli trovano applicazione, ad esempio, nel settore navale per i progetti FSRU (Floating Storage Regasification Units).

Per soddisfare le esigenze di applicazioni per il trasferimento di gas naturale liquefatto in terminali di piccola e media taglia, è disponibile il modello ARTIKA 300, in configurazione a 1 o 2 stadi, che può raggiungere i 270 m3/h di portata.

 

 

Scheda azienda

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

TotalEnergies punta sui polimeri riciclati per uso alimentare

TotalEnergies punta sui polimeri riciclati per uso alimentare

TotalEnergies ha aderito a NEXTLOOPP, un'iniziativa che riunisce 48 aziende della catena del valore della plastica che mira a creare...

Tecnologie per idrogeno pulite: Europa al top nei brevetti

Tecnologie pulite per l'idrogeno: Europa al top nei brevetti

I brevetti sull'idrogeno si spostano verso tecnologie pulite con Europa e Giappone in testa, secondo i risultati di uno studio...

ButanGas con IBM per migliorare performance e disponibilità dei servizi

ButanGas con IBM per migliorare performance e disponibilità dei servizi

La collaborazione di ButanGas ha portato all’adozione della tecnologia IBM Power per aumentare la reattività dei sistemi e migliorare la...

Share This